Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Scopri di più sul sito del garante della privacy

HomeReportagePadre Franco Nascimbene17 marzo 2012 Padre Franco Nascimbene

17 marzo 2012 Padre Franco Nascimbene

--Messaggio originale----Da:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Data: 17-mar-2012 15.46

 

A: malnate.org
Ogg: Lettera dalla Colombia

 

Carissimi,


da circa due mesi sono tornato a Tumaco ,in Colombia con un viaggio di circa 15 ore di aereo ,fino a Bogotà e poi un'altra trentina di ore di bus ,per giungere alla città dove viviamo noi nella zona più a sud del pacifico colombiano.

Mi porto dall'Italia un ricordo molto bello, di tanti amici e parenti incontrati,di tanti incontri con gruppi di persone interessate a conoscere un poco il nostro lavoro in Colombia. Mi sono sentito accolto da tanta gente con molto affetto e sono partito carico di voglia di ricominciare a spendermi in questo angolino di Colombia in cui sono stato inviato.
Dopo qualche giorno per riabituarmi ad una vita un po meno comoda e con un altro stile e ritmo di attività,rieccomi in corsa con tanti progetti e voglia di lottare.

I miei clienti di latte di soia mi hanno aspettato ed il mio lavoro mattutino è ripreso senza difficoltà.
Avevo lasciato,al partire,  5 comunità di adulti. Tornando,dopo tre mesi,ho ritrovato tre delle comunità,che hanno continuato normalmente a riunirsi ed a portare avanti le loro attività,una che si è ridotta ai minimi termini ed un'altra che è morta durante la mia assenza.

Ho ripreso così a camminare con loro.La comunità morta per il momento non mi sembra che abbia possibilità di resurrezione. Quella ridotta ai minimi termini sto cercando di rimetterla in cammino.
Una di quelle che ha continuato a camminare normalmente,ha deciso un mese fa di tentare di formare una piccola impresa comunitaria,dopo una riflessione fatta sulla mancanza di lavoro che colpisce  molti di loro. 
Hanno messo in comune un euro per partecipante e lunedì scorso hanno comprato una cinquantina di banane verdi per estrarne farina di banane da vendere. Lunedì stesso le hanno sbucciate,tagliate a fette fini e messe al sole.Da due giorni sono ormai ben secche ed oggi pomeriggio ci sarà la macinata per ottenere la farina e poi ogni membro del gruppo si porterà via la sua parte di farina da vendere.

Per il momento il gruppo si fa prestare un macinino per macinare le banane ma si spera che con i primi guadagni si possa comprarne uno che sia di propietà dell'impresa.
Se la vendita della prima produzione funziona,vedremo come continuare l'attività.
Con quella stessa comunità,sabato scorso ho celebrato la Messa in casa di Flor,uno dei membri della stessa a cui da poco hanno ucciso un figlio già ventenne.

Un mese e mezzo fa nel settore più povero del quartiere mi hanno detto che vi erano molti bambini da battezzare. Ho fatto un giretto e ne ho viste 15 famiglie interessate.
Ho allora fatto loro la proposta di fare una serie di incontri,lì nello stesso settore,in vista di un grande battesimo comunitario per il giorno di Pasqua, con l'idea di proporre poi,a coloro che lo volessero ,di continuare a riunirci,anche dopo il battesimo, facendo così nascere una nuova comunità.

Ci stiamo riunendo il venerdì alle 16 ed abbiamo già fatto sette settimane di incontri. Mi sembra che sì c'è un gruppetto di persone che ha voglia di continuare. Così alla fine della riunione di ieri ho proposto che scegliessero fra loro due animatori perchè cominciassero a prepararsi e perchè il gruppo non dipenda sempre dalla mia presenza. Hanno scelto due giovani mamme che da mercoledì prossimo cominceranno a partecipare agli incontri settimanali degli animatori.
Stiamo intanto preparando la settimana santa. E' soprattutto il venerdì santo il giorno in cui la gente partecipa con maggiore fervore,sentendo nella sofferenza di Gesù una presenza di Dio,vicino a loro.
Ad ogni comunità gli si affida la preparazione di due stazioni della via crucis perchè tutti possano manifestare in quell'occasione ciò che vivono e sentono in quel giorno.

Il mio compagno Josè Luis continua la sua attività con i giovani.
Durante la mia assenza è nato un terzo gruppo giovanile,quest'ultimo a prevalenza maschile ,che si chiama " I futbollisti di Gesù" Si sono riuniti a partire dalla passione per il calcio ed ogni settimana hanno il loro momento di riflessione. Ogni venerdì ha cominciato anche un'attività di cineforum per i giovani.

La salute va bene ed ho già perso quei dieci chiletti che avevo messo su in Italia.
Statemi bene e non perdete l'occasione che ci offrono questi ultimi giorni di quaresima per dare qualche cambio sostanziale alla vostra vita perchè la festa della Resurrezione che si avvicina possa essere per tutti un'esperienza personale di una vita nuova che sta nascendo in noi

Buona Pasqua

 

Franco

 

 

Ricerca nel sito

Calendario

<< 2019 >>
< Marzo >
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23
25 26 27 28 29 30 31